Skip to content

Che cos’è lo yoga e quali benefici dona? Risponde l’insegnante di yoga

Yoga: la disciplina per abbracciare la tua parte più interiore

Ti piacerebbe cominciare a praticare yoga ma vorresti qualche informazione in più su questa disciplina così tanto diffusa? Hai letto che lo yoga è molto di più che pratica di esercizi fisici sul tappetino e vorresti scoprire qual è la vera essenza dello yoga per sapere se sia la pratica che stai cercando? Oppure sei semplicemente curioso di scoprire qualche informazione in più sullo yoga, sulle sue origini e perché porta alla cosiddetta liberazione?


Ecco un articolo che ti offre qualche spunto per comprendere meglio che cos’è lo yoga!

Prenditi qualche minuto per leggere questo articolo che, come insegnante di yoga a Torino, ho pensato di scrivere per cominciare a raccontarti qualche curiosità in più sullo yoga, quando è nata questa disciplina e cosa significa esattamente la parola “yoga”. Vedremo insieme che la parola yoga significa unire, legare e scopriremo quali sono i principi di questa pratica così antica che ti accompagna nel viaggio alla scoperta del tuo io interiore per andare oltre le apparenze e oltre il tuo ego.

Se ti incuriosisce l’argomento continua a leggere.

Buona lettura!

Cosa significa yoga: tutti i benefici di una pratica antica

Cominciamo il nostro viaggio alla scoperta dello yoga con l’origine di questa parola. La parola “Yoga” deriva dalla radice sanscrita «Yug» che significa unire, legare assieme, soggiogare, dirigere e concentrare l’attenzione. Significa anche unione di corpo, mente e spirito ma soprattutto la parola yoga vuol dire “controllo”, “soggiogamento del corpo”, della mente, delle “emozioni” e dei “sensi”.

Soltanto con il pieno controllo e la piena padronanza dei nostri veicoli, allora saremo in grado di grado di riconoscere la parte più profonda di noi, il nostro sè.

Come abbiamo visto, yoga significa anche “unione”, unione tra il sé individuale presente in ogni creatura vivente, che nello yoga prende il nome di Atman e il sé universale, cioè la Realtà ultima delle cose, chiamato “Brahmanche, secondo le antiche scritture, permea tutto.

Adesso che abbiamo spiegato l’origine della parola “yoga”, vediamo in cosa consiste questa pratica, questa disciplina così antica.

Lo Yoga è un viaggio fino alla realizzazione del sé, che ti chiede di andare oltre il tuo ego.

Lo Yoga è comprendere la Realtà delle cose, vedere cosa c’è al di là dell’Illusione, di Maya, che approfondiremo in altri articoli.

Secondo lo Yoga occorre prima riconoscere in sé la presenza di un sé individuale. Questo vuol dire rendersi conto di essere schiavi dei sensi, della mente, delle emozioni e capire che stiamo filtrando la realtà, ciò che ci accade con questi strumenti distorti e non stiamo vedendo realmente.

Per poter osservare, vedere con più chiarezza e profondità è necessario fare ordine e ripulire. E questo è necessario per seguire un percorso, un metodo volto a calmare l’incessante lavorio della mente e il continuo manifestarsi di emozioni in modo incontrollato.

Con la pratica costante e consapevole dello yoga potrai rendere il corpo sano e forte il corpo, calmare la mente ed imparare a gestire le emozioni.

Per spiegarti che cos’è lo yoga e quali sono i suoi benefici, ho pensato di scrivere qui un passaggio di un antico testo vedico che descrive lo yoga in questo modo:

“Quando i sensi si sono calmati, quando la mente riposa, quando l’intelletto non tentenna, allora, dice il saggio, il più alto stadio è raggiunto. Questo costante controllo dei sensi e della mente è stato definito Yoga. Chi raggiunge tale controllo è libero dalla delusione”.

Come vedi, lo yoga è un vero e proprio metodo che, se seguito e applicato può portare alla liberazione.

Nella Bhagavadgita troviamo un ulteriore significato per lo yoga. Qui non troviamo lo yoga spiegato unicamente come metodo per calmare e controllare i sensi e la mente ma come una via per liberarci definitivamente dal ciclo di nascite e morti (samsara) per liberarci dal karma accumulato, per liberarci dalla sofferenza (dukkha).

Secondo gli yogin antichi, attraverso lo yoga, sarebbe possibile estirpare alla radice le cause della sofferenza umana (klesa).

Per fare esperienza dello Yoga, quindi, è necessario praticare nella vita di tutti i giorni, con costanza e pazienza. Non devi avere fretta di vedere subito i risultati, ma questi arriveranno soltanto con il tempo e con un po’ di sforzo.

Ricorda che lo yoga non è un’attività da svolgere una o due volte a settimana, in palestra o in una scuola. Non è un momento di svago in cui “stacchi” la mente dimenticandoti della vita “là fuori”, non serve a rilassarti.

Lo Yoga è un modo di vivere, un atteggiamento che si ottiene attraverso l’applicazione di una serie di pratiche, che finisce per trasformare la persona in ogni istante della sua vita. Occorre lavorare in profondità andando all’interno di ogni centimetro di noi stessi, destrutturando tutto ciò che avevamo come certezze e verità, mettendo tutto in discussione, lasciando crollare dentro di noi “strutture e impalcature secolari”, facendo cadere maschere e predisporsi a rinascere dalle nostre ceneri ritrovando anima, cuore e verità, lasciando ogni aspettativa e obiettivo.

Come vedi, lo yoga ha bisogno di molto più coinvolgimento, dedizione, forza di volontà, più di qualsiasi altra cosa facciamo.

 

Ti lascio con questa citazione che racchiude in sé tutto ciò che rappresenta lo yoga per tutti coloro come me che hanno abbracciato questa disciplina come stile d virta.

“E’ un metodo, è uno strumento, è una tecnologia. Puoi cambiare la forma stessa di ciò che siamo adesso, puoi trasformarci” (Sadguru)

Se il mondo dello yoga ti affascina e vorresti saperne di più esplora il mio sito e se sei pronto ad abbracciare anche tu lo yoga come strumento per acquisire consapevolezza e abbracciare il tuo io interiore, contattami compilando il form qui sotto. Sarò felice di guidarti nel tuo personale percorso di esplorazione e auto-osservazione del corpo e della mente.